World Traveller, piccole news dal mondo, Alessandro Delfiore, viaggiatore, news turistiche World Traveller, piccole news dal mondo, Alessandro Delfiore, viaggiatore, news turistiche worldtraveller | World Traveller, Viaggiatore del mondo, Alessandro Delfiore | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

worldtraveller Viaggiando per il mondo
Breathe Austria: il polmone che fa respirare Expo 2015
post pubblicato in Austria, il 14 giugno 2015

"Puoi sopravvivere: 5 settimane senza cibo. 5 giorni senza acqua. Ma non 5 minuti senza aria" è uno dei motti esposti nel Padiglione Austriaco.

Creare un bosco viennese a Expo 2015 e creare ossigeno i partecipanti alla più famosa fiera al mondo grazie a una temperatura fissa di 26°: questo è l’obiettivo del Padiglione Austriaco a Expo 2015: Breathe Austria.

Grazie a oltre 60 alberi, 12.000 piante, il Padiglione Austriaco produce ossigeno per oltre 1.800 persone all’ora, grazie a una superficie fogliare di 43.200 m2.

Klaus K. Loenhart del team Terrain di Graz che ha sviluppato il Padiglione, ha spiegato  in un incontro che si è svolto il 13 aprile al Politecnico di Milano, come si è arrivati alla creazione del bosco viennese all’interno di Expo 2015. Inoltre viene utilizzata la cella solare a colorante posta nella terrazza del Padiglione che da sull’Open Air Theatre, in cui due volte a settimana si esibisce il Cirque du Soleil. Questo particolare tipo di cella ricalca il meccanismo della fotosintesi, con lo stesso sistema delle foglie del bosco.

Anche l’idea gastronomica è la stessa del Padiglione: ricalcare un menu del bosco elaborato da chef austriaci in modo da rispettare il concept del padiglione e offrire ai visitatori un punto di ristoro dal caldo che li affligge durante i mesi estivi. Oltre al Padiglione, l’Austria propone un vasto programma di eventi culturali,sempre legati al cibo e a: “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, tema di Expo 2015.
Il bosco è un ibrido? Sì un ibrido,nel senso che è un ibrido tra natura e tecnologia. All’interno del Padiglione sono presenti anche microorganismi viventi quindi si può dire che il Padiglione viva.

La giornata dell’Austria è il 26 giugno 2015, ma i giornalisti hanno avuto l’occasione di visitare il Padiglione già il 9 maggio 2015 in occasione del press day e hanno potuto rinfocillarsi dal caldo della città in un vero bosco viennese ricreato su misura per Expo 2015.

Ogni respiro mi unisce alla totalità del mondo” infatti il motto è che il tema dell’Expo va portato nel proprio ufficio, nella propria scuola e dovunque si andrà ad abitare nel mondo.

ALESSANDRO DELFIORE

Svizzera e Austria: serata get together tra turismo ed enogastronomia
post pubblicato in Svizzera, il 12 febbraio 2014
Gli enti turistici di Svizzera e Austria, hanno unito le proprie forze in un bel mercoledì di febbraio nella famosa Via Tortona, strada famosa per il Fuorisalone Milanese durante la Fiera del Mobile. 
Hanno partecipato diversi Enti regionali dei due Paesi Per l'Austria la Carinzia, la Stiria, il Salisburghese, il Tirolo, la Regione di Villach, Klangenfurt, Innsbruck, Salisburgo, Graz, il Lago di Millach e l'associazione l'Austria per l'Italia. Per la Svizzera Lucerna, Svitto, il Mendrisiotto, il Ticino, le Ferrovie Retiche e le FFS le Ferrovie Federali Elvetiche e lo Switzerland Travel Centre.
Il tema della serata è stata l'enogastronomia con anzitutto un antipasto insolito: il wienerschnitzel mignon (il parente austriaco della cotoletta alla milanese) e una selezione di formaggi svizzeri Emmentaler, Sbrinz e Alpen Tilsiter.
Siamo passati poi alla riproduzione di due video presentati dai direttori degli Enti per l'Italia dell'Austria Michael Strasser e della Svizzera Armando Troncana. Il video elvetico rappresentava la natura incontaminata, gli animali selvatici, il relax, le escursioni in montagna. Il video dell'Austria invece si concentrava sulla campagna proposta dall'Ente ovvero "Arrivare e rinascere" con un mix di ingredienti che rappresentano l'offerta turistica austriaca: la cultura, il buon cibo, il bagno nei laghi, la natura, la vita allegra e spensierata.
La degustazione è stata introdotta da Davide Oltolini, conduttore di "Sapere i sapori", rubrica di Uno Mattina e critico enogastronomico. Ci ha presentato due esperti provenienti dal Ticino, un rappresentante per l'Austria e lo chef del dolce che vi presenteremo in seguito.
Anzitutto una delicata crema di zucca a cui si abbinavano i Luzerner Chügelipastete (vol-au-vent di funghi e besciamella molto particolari). Per la prima volta ho assaggiato la Polenta rossa del TIcino, antica varietà reimpiantata negli ultimi anni, conservata da Pro Specie Rara e rimessa in produzione dal 2004 che ben si accompagnava a 3 formaggi degli alpeggi svizzeri: il Giumello della Morobbia, il Gera (o Gèira) semiduro grasso, il Robiei della Valle Magia o Bavona e il Gruyère, una delle aree più incantevoli delle Prealpi svizzere. 
La scelta dei vini è stata notevole con il Sekt Cuvé Katharina Rosé, l'ottimo Wiener Gemichter Satz 2013 DAC BIO, che avevo provato sin dal lontano 2008, il Nussberg Gruner Veltliner, un altro vino della campagna viennese eccezionale e due vini ticinesi: il Bongio Ticino DOC Merlot 2011 cantonale di Mezzana e il Ronco d'Arzo, Ticino DOC Merlot 2012. La cena si è chiusa con il Kaiserschmarm, il dolce del kaiser, di cui Andrea Gargiullo, addetto marketing dell'Ente Austriaco ci ha raccontato due storie sull'origine del dolce: si tratta di un prelibato pasticcio accompagnato da marmellata di mirtilli e zucchero a velo. 
Alla serata hanno partecipato tanti giornalisti e operatori dell'industria turistica italiana.
Per maggiori informazioni sul Gemichter Satz http://www.wien.info/it/shopping-wining-dining/wine/gemischter-satz-awarded
Un approfondimento sui formaggi d'alpeggio http://www.bonvivre.ch/?p=13558

Sfoglia marzo        ottobre