World Traveller, piccole news dal mondo, Alessandro Delfiore, viaggiatore, news turistiche World Traveller, piccole news dal mondo, Alessandro Delfiore, viaggiatore, news turistiche worldtraveller | World Traveller, Viaggiatore del mondo, Alessandro Delfiore | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

worldtraveller Viaggiando per il mondo
Tunisia: 2017 all'insegna della ripresa e della sicurezza
post pubblicato in diario, il 16 ottobre 2016

Tunisia a TTG Incontri: un nuovo direttore

La Tunisia si presenta a TTG Incontri 2016 a Rimini con una conferenza stampa all’insegna della parola “ripresa”. Nuovo logo e colori per l’Ente, dall’ocra gialla classica del deserto si passa al bianco e blu del mare. Novità che vede cambiamenti anche nelle principali cariche di rappresentanza turistica del Paese.

Il nuovo Direttore per l’Italia, Souheil Chaabani, alto, sguardo risoluto, sicuro di sé, parla in italiano, inglese e francese. Un obiettivo importante è dare fiducia alla filiera turistica per riportare gli italiani in Tunisia. Ma il primo obiettivo del country manager è di lavorare direttamente sul cliente finale che acquista tutto da sé e farlo tornare in Tunisia grazie ad una maggiore sicurezza.

I voli: la Tunisair per la ripresa

Nel 2017 tornerà una prima nave da crociera. Intervengono anche il Direttore Generale della Pubblicità a Tunisi, Lotfi Mani, e il Direttore della Tunisair Ben Slama Habib segnala che già il 2016 è un anno di ripresa con il +3% di flussi tra Italia e Tunisia. Giugno, luglio e agosto 2016 riportano un dato del 7% rispetto agli stessi mesi del 2015. Sono riiniziati anche i charter tra Milano, Djerba e Monastir con l’80% di riempimento nei 2 mesi in cui gli italiani viaggiano di più, ovvero i mesi di luglio e agosto 2016.

Habib, con tono vibrante, segnala che hanno incontrato la maggiorparte dei tour operator che programma la Tunisia, aperto nuovi mercati come la Russia e il Canada. Tunisair è il principale player sulle tratte Italia-Tunisia con il 65% del market share ed osserva che la ripresa è già in atto. Dal 15 novembre 2016 tornerà a Tunisi e sarà sostituito da un nuovo Rappresentante, Trichi Moez, anche lui presente alla conferenza.

Tutti i player per la sicurezza

E’ il turno di Nouvelair, il cui Direttore Commerciale ci segnala la presenza di voli charter da Verona, Milano Malpensa, Roma, Torino per Djerba e Monastir, sede delle principali strutture turistiche del Paese. Interviene anche Jalel Hinchiri, il Presidente degli albergatori della Provincia di Djerba. Ci racconta che hanno sostituito gli italiani con i russi. Fino allo scoppiare della crisi non avevano posto per i viaggiatori dall’Est, ma ora viaggiano e occupano le stanze lasciate vuote dagli italiani.

Prende la parola il Presidente degli Agenti di Viaggio della Tunisia del Sud, Bechir Zamouri. Abbiamo tutti gli ingredienti per ripartire: deserto, sole, mare, sicurezza, siamo pronti per accogliere gli italiani in Tunisia. Cita un detto francese” Viva l’amicizia del popolo tunisino”, auspicando che la Tunisia non sia più associata al terrorismo, agli episodi del Bardo, a Sousse, ma all’ospitalità tipica del Paese bagnato dal Mar Mediterraneo.

Dal Sahara a Tabarka: le attrazioni

La Nazione guidata da Beji Caid Essebsi, Presidente dal 31 dicembre 2014, ha fatto enormi sforzi sulla sicurezza. Il governo tunisino ha infatti obbligato gli alberghi a dotarsi di telecamere di sorveglianza, di vigilantes e di metal detector. Essebsi, che ha due figli, spera che ora gli italiani tornino a popolare le spiagge e le strutture del Paese per tornare ai livelli precedenti la Rivoluzione che aveva portato all’estromissione di Ben Ali, scappato a Jedda, in Arabia Saudita con il cambio di Governo e il Colpo di Stato del 2011.

Il turismo fornisce il 20% circa delle entrate. Nel Nord Est, Hammamet, Susa (“la perla del Sahel”) e Monastir, sono i principali centri balneari che si raggiungono facilmente dall’aeroporto internazionale Habib Bourguiba. In un’intervista del luglio 2016 ad InternazionaleFoued Loued, Responsabile Regionale per il turismo a Sousse, dichiarava: “Abbiamo una capacità di 40mila posti letto distribuiti su 96 alberghi. Di solito in questo periodo siamo al completo, ma ora ci sono solo novemila turisti, di cui seimila russi”. A Djerba, nel sud-est si arriva dall’Aeroporto di Gerba-Zarzis. Anche Tabarka, nel Nord-ovest al confine con l’Algeria ha un suo aeroporto, mentre Tunisi, la capitale, vicino all’antica Cartagine,è una città ricca di storia e con una rete di trasporti abbastanza sviluppata.  Se si vuole esplorare il deserto del Sahara, è consigliato visitare le città di Matmata, Tozeur e Douz, le porte per questa meravigliosa attrazione naturale che attrae tanti visitatori da tutto il Mondo.

La parola Sahara viene dall’arabo "sahra", significa "deserto" [Fonte Turismo Tunisia] e dal "deserto dei turisti", il 2017 deve portare un vento caldo di ospitalità, fiducia, che riporti gli italiani in questo favoloso Paese ricco di storia.

ALESSANDRO DELFIORE

                                                

Foto: Chiara Zaccone - Pr & Go Up

Da sinistra a destra: Jalel Hinchiri (Presidente Federazione Regionale albergatori di Djerba) -     Lofti Mani (Direttore della Pubblicità ONTT) - Souheil Chaabani (Direttrore per l'Italian dell'Ente) -   Behiri (Responsabile per il Sud Italia dell'Ente) - Trichi Moez (Rappresentante Tunisair) - Bechir Zamouri (Membro della Federazione degli agenti di viaggio della Tunisia del Sud).

Instagram, Pinterest e Flickr: condivido con voi alcune emozioni tramite frame
post pubblicato in diario, il 7 giugno 2015
Ecco i miei account su Pinterest, Instagram e Flickr:

Account Instagram: https://instagram.com/alessandrodelfiore/
Vi regalo alcuni momenti ed emozioni, fotogrammi

Account Flickr https://www.flickr.com/photos/alessandrodelfiore/?rb=1
Vi regalo alcuni frame dei miei viaggi

Account Pinterest https://it.pinterest.com/adelfiore1/fallas-2015/
Creerò alcuni album dei miei eventi e viaggi.
Il primo album è sulle Fallas 2015.
Fate un giro e mettete tanti pin.

Buona domenica,

Alessandro
Sfoglia giugno