World Traveller, piccole news dal mondo, Alessandro Delfiore, viaggiatore, news turistiche Tahiti: la porta della rinascita e della felicità | worldtraveller | World Traveller, Viaggiatore del mondo, Alessandro Delfiore | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

worldtraveller Viaggiando per il mondo
Tahiti: la porta della rinascita e della felicità
post pubblicato in Turismo - professional, il 13 luglio 2014


La Polinesia Francese è un arcipelago di 118 isole e atolli che si articola su 5 grandi arcipelaghi nell'Oceano Pacifico. Tahiti fa parte delle Isole della Società ed è la più popolosa con 178.000 abitanti. E' un'isola vulcanica, con la foresta pluviale a fare da padrona nell'entroterra e il Monte Orohena che raggiunge i 2242 m sul livello del mare. Il mese più piovoso è gennaio, il più secco è agosto, il clima è ideale con temperature minime di 21° e massime di 31° di media.

La lingua ufficiale è il francese e l'isola è sempre stata terreno di pensatori che cercavano il mito del buon selvaggio, come Paul Gauguin che si trasferì a Tahiti nel 1890 e ritrasse tanti nativi locali in alcuni suoi famosi quadri.

Tahiti è una destinazione che nel mercato italiano viene classicamente associata al lusso, al mare incontaminato, alla natura, alla popolazione ospitale, al profumo di cocco, di vaniglia e di hennè.

Cime montane si alternano a meravigliose colorate barriere coralline, lagune turchesi con sabbia bianchissima, palme e intimi resort. Per presentare il nuovo logo, l'Ufficio del Turismo Italiano di Tahiti ha organizzato una bella serata presso la Torre Blend in Stazione Centrale a Milano.

La lettera H che rappresenta la parola polinesiana “Hiti”come porta di ingresso, fuga, conoscenza, è la chiave per capire la nuova strategia che è stata analizzata nel dettaglio. Il marchio di Tahiti era infatti troppo simile a quello delle Seychelles, di Mauritius, delle altre destinazioni del Pacifico, e aveva bisogno quindi di differenziarsi e riposizionarsi per avvicinare il turista culturale, che cerca sì ill relax, ma ha anche voglia di scoprire e provare delle esperienze uniche. L'identità è stata giocata quindi sul concetto di Tifaifai, un tessuto tradizionale dell'isola realizzato solo dagli artigiani dell'isola con disegni che ricordano la vegetazione locale come fiori e piante.
Il tatooo blu del logo, associato al bianco, gioca sulla purezza combinata all'eleganza. Sono state definite quindi varie esperienze possibili per il visitatore: dal mare, alla gastronomia, dai paesaggi collinari e vulcanici (spesso ignorati) alla conoscenza della popolazione locale,ospitale, gentile, cordiale.

L'approccio chiave del visitatore deve essere il cambio di ritmo: dallo stress della vita urbana e degli impegni familiari, al relax della vacanza, non solo basata su sole e mare, ma anche su una nuova esperienza sensoriale che rigenera il viaggiatore appena arrivato nell'isola di Tahiti. La nuova identità è stata creata dall'azienda Futurebrand e sarà svelata nei prossimi mesi in Italia e negli altri 13 mercati coinvolti.

La serata è stata allietata da cocktail polinesiani, una cena con piatti tipici tahitiani, e la famosa danza "otea“ eseguita da due bellissime ballerine.

Ottimo successo di pubblico di giornalisti, agenti di viaggio, stakeholders e persone interessate alla destinazione, con un saluto a settembre e l'augurio di partire presto per questa splendida isola.


ALESSANDRO DELFIORE

Sfoglia aprile        settembre